lunedì 29 dicembre 2008

Sarà una cavolata...

ma che ci posso fare se mi piacciono i cavoletti di Bruxelles e li mangio anche se mi fanno male?? Li magerei almeno una volta alla settimana, però mi si gonfia la pancia e, insomma, non è che stia proprio bene (né io medesima né che gli altri mi vedano così...), però sono così buoni che quando li trovo dal fruttarolo o al supermercato, non posso fare a meno di comprarmeli, e me li mangio anche semplicemente lessati e conditi con un filo d'olio extravergine. Che meraviglia quando sono caldi e assaporo tutto il retrogusto amarognolo, magari accompagnando carne bianca, come tacchino o maiale, o affiancando una bella porzione di purè di patate.
Questa volta, però, ho preferito assaporarli da soli e renderli croccanti, saporiti, del tutto autosufficienti, gastronomicamente parlando, così me li sono preparati al gratin.
Belli da vedere e buoni da mangiare. E poi ho infilato un maglione bello largo:-)

Cavoletti di bruxell gratinati



300 g di cavoletti di Bruxelles
40 g di pangrattato
20 g di parmigiano
40 g di gruviere
sale e pepe
olio extravergine
20 g di burro

Mondate i cavoletti di Bruxelles e cuoceteli al vapore per 30 minuti, quindi fateli raffreddare e disponeteli in una teglia ben imburrata. Salate e pepate.
A parte, mescolate il pangrattato con il parmigiano e il gruviere grattugiati, quindi irrorate con 2 cucchiai d'olio e distribuite la panatura sui cavoletti. Completate con qualche altro fiocchetto di burro e infornate a 200 °C per 25 minuti. Caldi o freddi, sono slurp comunque.

2 commenti:

Gius ha detto...

Dici che potrebbero piacere anche a me??? Io li trovo orrendi! Forse solo tu potresti fare il miracolo! Baciozzi Mariuzza cara... e ancora BUON ANNO!!!

mariuzza ha detto...

eh, mo' non esageriamo... mica sono una santa... o no?
:-)