mercoledì 25 febbraio 2009

Né dolce né salata

Mi piace molto questa brioche perché, non avendo una connotazione spiccatamente dolce né salata, si può mangiare in vari momenti della giornata: è semplicemente buona, morbida e conserva all'interno la parte gustosa, fatta di prosciutto e formaggio che, ovviamente, può variare a seconda dei gusti: cotto o crudo, parmigiano o emmental, scamorza e perfino, se volete fare un accostamento importante, gorgonzola. Io questa volta sono andata su un classico prosciutto cotto e emmental svizzero, proprio per garantirmi il fatto che la brioche potesse essere consumata dal mattino fino a sera. La ricetta è di Maretta e il dosaggio è perfetto per ottenere, nello stesso tempo, morbidezza e fragranza. Invece di formare una specie di strudel, come ho fatto io, disponendo la farcitura sulla pasta stesa e chiudendo poi a rotolo, si può aggiungere alla pasta lievitata una prima volta la componente di salumi e formaggio a cubetti: dopo aver incorporato bene il tutto, potete ricavare tanti panetti dolci da mettere a lievitare una seconda volta, e cuocere poi in forno per 15-20 minuti.

Brioche con prosciutto e formaggio



500 g di farina manitoba
1 cubetto di lievito
1 cucchiaio di zucchero
1 pizzico di sale
1 bicchiere scarso di latte
1 tazzina di olio extravergine d'oliva
2 uova
200 g di prosciutto cotto
150 g di emmental svizzero

Sciogliete il cubetto di lievito nel latte tiepido insieme con un cucchiaino di zucchero; versate su un piano di lavoro la farina setacciata formando una fontana, quindi versatevi nel centro il lievito sciolto nel latte, il resto dello zucchero, l'olio, il sale e le uova sgusciate e sbattutte precedentemente con una forchetta. Impastate con le mani e continuate a lavorare fino a che tutti gli ingredienti saranno ben amalgamati e l'impasto avrà un aspetto liscio ed omogeneo (per una buona pasta ci vorranno almeno 15 minuti di lavoro a mano).
Coprite con un canovaccio e lasciate lievitare in un luogo tiepido per 1 ora e 30 minuti.

Trascorso questo tempo, riprendete la pasta e impastatela nuovamente per altri 5-10 minuti, aggiungendo se necessario pochissima farina (l'impasto finale dovrà essere più elastico che sodo). A questo punto, sempre sul piano di lavoro, stendete la pasta utilizzando un matterello: dovrete ottenere un specie di pizza, un po' più spessa del normale. Distribuite sulla superficie, lasciando un bordo vuoto di circa mezzo cm, il prosciutto a fette e l'emmental tagliato con una grattugia a fori larghi, quindi arrotolate delicatamente e chiudete bene, poi piegate le estremità del rotolo verso l'interno, formando una ciambella.
Disponete il tutto su una placca rivestita di carta forno, coprite con il canovaccio e lasciate lievitare per altri 40 minuti.

Trascorso questo tempo, spennelate la brioche con un'emulsione di acqua e olio e infornatela a 200 °C per 30 minuti. Spegnete e lasciate intiepidire o raffreddare prima di servire a fette.

Nessun commento: