giovedì 19 febbraio 2009

Per i pastari incalliti

Questo primo veloce, colorato e gustoso è la trasformazione del condimento tipico della pizza alla scarola napoletana; mancano solo i pinoli. La pizza alla scarola è una di quelle cose sfiziose a cui non si direbbe mai "basta", unte il giusto e appetibili in vari momenti della giornata, ma siccome quando ho cucinato ero ospite da una famiglia di finti meneghini pastari incalliti (Cino's, non me ne vogliate...), abituati a farsi un primo spesso sia a pranzo che a cena, sfornare una pizza non mi sembrava carino... E poi era già da un po' che mi girava en la cabeza questa rivisitazione. Insomma, se avete voglia di una pastasciutta diversa e vi piace la scarola con una sfumatura agrodolce, be' allora potete provare questo condimento, che, frullato per metà, lega e ingentilisce il piatto rendendolo equilibrato. Le penne o mezze penne sono perfette, come pure i fusilli, meno i formati lunghi.
E se rimane e decidete di ripassarla in padella, facendola diventare un po' croccantina (quindi padella antiaderente e niente olio, fuoco vivo e occhio), fate una buonissima cosa...

Mezze penne al verde



(per 4 persone)
320 g di mezze penne rigate
1 cespo di scarola
1 spicchio di aglio
1/4 di cipolla bianca
2 filetti di acciughe sotto sale
1 manciata di olive nere al forno
1 manciata di capperi
1 manciata di uvetta
80 g di parmigiano
olio extravergine
olio al peperoncino
sale

Mondate la scarola e tagliatela a listarelle, quindi scottatela in abbondante acqua salata per 2 minuti, scolatela e tenetela da parte.
Nel frattempo, dissalate l'acciuga e i capperi, tenete in ammollo l'uvetta e tagliate a pezzetti le olive nere.

In un largo tegame scaldate 4 cucchiai di olio extravergine con l'aglio sbucciato e la cipolla tritata finemente, quindi aggiungete le olive, l'uvetta e i capperi ben strizzati, infine le acciughe a pezzetti. Lasciate insaporire a fuoco medio per 5 minuti, poi unite anche la scarola, mescolate per insaporire e fate cuocere per circa 15 minuti, regolando di sale solo alla fine ed eliminando lo spicchio d'aglio.

Portate a bollore abbondante acqua salata e cuocetevi le penne. Nel frattempo, frullate metà del condimento alla scarola, quindi rimettete la salsa ottenuta nel tegame insieme con il resto. Scolate al dente la pasta e saltatela con l'intingolo di scarola, insaporendo con abbondante parmigiano grattugiato. Impiattate e completate ogni porzione con un goccio di olio piccante. Servite subito.

Nessun commento: