martedì 26 gennaio 2010

La nieve, otra vez...

Me despierto esta mañana y veo que la terraza está blanca... ¿blanca? Pues sí había nevado otra vez, bueno justo un poco, no mucho, pero raro porque ayer había el sol y hoy también... ¿muy loco este enero, no? Y como había nevado, me pareció un día bueno para hacer unos nevaditos. Nevaditos, sì, sencillos, bonitos, no demasiado dulces, galletas perfectas para saborear una jornada rara de enero y quedarse en casa con una buena taza de café, mirando desde la ventana la manta blanca que brilla bajo del sol.

Nevaditos al anís



500 g de harina floja
250 g de manteca de cerdo
65 g de vino blanco
25 g de azúcar
anís, semillas y licor

Mezclamos la manteca de cerdo con el azúcar, luego añadimos el vino y la harina, un chorro de anís y una cucharada de semillas de anís. Amasamos hasta que todo se compacte bien y dejamos reposar en la nevera durante dos horas.

A continuación, aplastamos la masa dando forma de cuadrado, con un espesor de 3-4 cm y con un corta pasta redondo (2-3 cm de diámetro) cortamos los nevaditos, que vamos a poner en una bandeja forrada con papel para hornear. Cocemos en horno a 190 °C durante 10 minutos. Los nevaditos no tiene que coger mucho color. Cuando estén cocidos, los sacamos del horno, los dejamos enfriar y los espolvoreamos con azúcar glasé.
Se guardan durante muchos días en una caja de lata.

In italiano per favore

La neve, un'altra volta


Mi sveglio stamattina e vedo que la terrazza è bianca... bianca? Be', aveva nevicato un'altra volta, giusto un po', però stranamente perché ieri c'era sole, e pure oggi... proprio pazzo questo gennaio, no? E siccome aveva nevicato, mi sembrava il giorno giusto per fare i nevaditos. I nevaditos sì, facili da fare, belli da vedere, non troppo dolci, biscotti perfetti per assaporare una giornata strana di gennaio, e restare in casa con una bella tazza di caffè, guardando fuori dalla finestra il camice bianco che brilla sotto il sole.

Nevaditos all'anice



500 g di farina 00
250 g di strutto
65 g di vino bianco
25 g di zucchero
anice, semi e liquore

Mescolate lo strutto con lo zucchero, poi aggiungete il vino, la farina, un po' di liquore d'anice e i semi. Impastate con le mani fino a che tutto si compatti e lasciate riposare nel frigorifero per almeno due ore.

A questo punto, prendete la pasta e lavoratela con le mani, schiacciandola fino a darle la forma di un quadrato spesso 3-4 cm. Con un tagliapasta rotondo (2-3 cm di diametro) ricavate i nevaditos, che poi poggerete sopra una placca rivestita di carta forno. Cuocete i biscottini a 190 °C per 10 minuti (non dovranno prendere colore ma solo indurirsi). Quando saranno pronti, toglieteli dal forno, lasciateli intiepidire e spolverizzateli con zucchero a velo. Si conservano per vari giorni in una scatola di latta.

4 commenti:

Cuocopersonale ha detto...

Wow....
Devono essere otttttimi..
:-)
Matteo

mariuzza ha detto...

si, davvero. Sono stati una sorpresa anche per me...

biancorosso ha detto...

Mariuzza,

Complimenti! Questi biscotti non solo sono bellissimi da vedere, ma hanno tutta l'aria di essere anche particolarmente deliziosi!

Credo proprio che prendero' in prestito questa tua ricetta molto presto. ;)

Un caro saluto dal Giappone,

Marianna

mariuzza ha detto...

grazie Marianna! Si possono fare anche senza l'anice, ma il suo profumo spezza la componente grassa, che è consistente. Spero ti piacciano.