lunedì 18 ottobre 2010

Cheesecake

Quando ho visto sullo scaffale del supermercatino vicino casa la scatola di digestive ai fiocchi d'avena, ho subito pensato: cheesecake. Perché per me, non so bene il perché, biscotti digestive=cheesecake. Cioè, i digestive sono dei biscotti buonissimi, ma li prendo in considerazione solo per fare la cheesecake, e non per mangiarli così come sono. Il passaggio successivo è stato: Nigella. La cherry "top" cheesecake di Nigella. Mi piace quel video, come mi piacciono tutte le sue ricette, l'ho già detto, per quel suo modo così sensuale di raccontare piatti e stuzzicherie. E ho pensato pure che, in realtà, l'ultima volta che mi ero data alla cheesecake stavo a Madrid... Così mi sono detta che visto il tempo brutto, per i miei canoni decisamente troppo freddo e umido, una bella cheesecake, enegetica e calorica al punto giusto, ci poteva stare proprio bene. Sono tornata a casa e, spulciando nel mio quadernetto magico, ho trovato una ricetta di cheesecake di nocciole. E mi sono messa a lavorare di cesello sulle due ricette: la traccia video di Nigella e quella scritta che avevo io, presa da chissà chi. Ne è uscita questa cheesecake, alleggerita, che in realtà potrebbe chiamarsi benissimo ricottacake, poiché giusto la base è quella del dolce anglosassone. I fiocchi d'avena e le nocciole triturate grossolanamente con l'unico strumento che avevo a disposizione (un batticarne!!) rendono bella grezza la base, mentre la crema di ricotta fatta con lo zucchero a velo assicura un ripieno finissimo, a contrasto. La marmellata di ciliege è sostituibile con una qualsiasi di vostro gradimento, purché scarsa di zuccheri aggiunti (io volevo tentare un abbinamento con la marmellata di prugne, ma quelle disponibili nello stesso supermercatino erano tutte dolcissime...). Infine una nota sulla forma: la mia cheesecake è bassa perché volevo accentuare il contrasto tra la base granulosa e il ripieno liscio, senza che uno dei due prevalesse, ma se volete attenervi alla versione più alta e classica, basta prendere uno stampo più piccolo, triturare 200 g di biscotti, 80 di nocciole e lavorali con 80 di burro, mantenendo intatte le dosi del ripieno.



Cheesecake d'avena e nocciole con marmellata di ciliege






250 g di biscotti digestive all'avena
100 g di burro
100 g di nocciole
3 cucchiai di zucchero a velo
1 uovo + 2 tuorli
500 g di ricotta vaccina
1 limone

qualche cucchiaio di composta o marmellata di ciliege

Sbriciolate i biscotti e mescolateli con le nocciole, spezzettate o macinate a farina, come più vi aggrada. Amalgamate il briciolame ottenuto con il burro morbido fino a che otterrete un impasto assai simile alla pasta frolla, ma ovviamente, meno liscio. Mettete il composto ottenuto in una teglia a cerniera o in una normale e bassa rivestita di carta forno e tenetelo in frigorifero fino al momento di utilizzarlo.

In una ciotola versate la ricotta, lo zucchero a velo e la buccia del limone grattugiata e 1 cucchiaino di succo di limone, quindi lavorate con una spatola fino a formare una crema liscia, poi aggiungete l'uovo intero e, a seguire, i tuorli. Riprendete l'impasto di biscotti e versatevi sopra la crema di ricotta, quindi battete un paio di volte sul piano di lavoro per livellare e infornate a 180 °C per 45-50 minuti.
Fate raffreddare la cheesecake a temperatura ambiente, e poi in frigorifero, meglio se per una notta, o almeno per 5 ore. Prima di servirla, copritela con un velo di marmellata di ciliege o del frutto che più vi piace.

2 commenti:

acquaviva ha detto...

sono d'accordo con ogni tua parola e tuo gesto, specialmente sulla marmellata non troppo dolce...

mariuzza ha detto...

anch'io non amo il troppo dolce. Mi basta il dolce, equilibrato, avvolgente, senza strafare:-)